Tradizioni marocchine

Ci è capitato in varie occasioni di essere ospiti in Marocco.

Ogni volta, con ammirazione, abbiamo assistito al rito del tè che tutti i padroni di casa hanno sempre esercitato con sacralità di fronte a noi. Anche attorno al fuoco, nelle sere al campo tendato nel deserto, le gestualità sono state le stesse. Colui che mesce il tè con gesti lenti alza la teiera e con maestria fa cadere dall’alto il liquido nei bicchieri perché è dalla schiuma che si apprezza la qualità della bevanda.

Un vecchio proverbio Tuareg dice che un tè senza schiuma è come un Tuareg senza turbante.

Ma non finisce qui, è buona educazione non alzarsi prima di aver bevuto tre bicchieri, perché come vogliono le antiche tradizioni:

“Il primo bicchiere è aspro come la vita,

il secondo è dolce come la morte,

il terzo è soave come l’amore.“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto